Agricoltura intensiva o estensiva
Tutte le differenze

M.A.I.E.R. Srl

Nel mondo agricolo è sempre più di attualità la contrapposizione di vedute in seno alle differenti pratiche agricole. Tra quelle di tipo intensivi, industriali basate sulla specializzazione, che hanno come scopo quello di migliorare l’efficienza produttiva dei sistemi colturali e pratiche agricole di tipo estensivo, basate sulle produzioni locali, che hanno come scopo principale quello di migliorare la sostenibilità e la resilienza dei sistemi agricoli.

Differenza tra agricoltura intensiva ed estensiva:


Con agricoltura intensiva, si intende una metodologia basata sulla dipendenza dall’apporto di risorse generate all’esterno del sistema agricolo, cercando di ricavare il massimo da poche singole colture, con il minor sforzo e costo possibile.

Caratteristiche principali:

-Meccanizzazione

-Utilizzo di fertilizzanti

-Utilizzo di semi selezionati

agricoltura

Nell’agricoltura estensiva, si utilizzano esclusivamente gli elementi disponibili in natura senza l’inserimento di altre tecnologie, con una conseguente produttività inferiore rispetto all’agricoltura intensiva, poiché la resa dipende esclusivamente dalla naturale fertilità del suolo coltivato.

Sono tutte pratiche sostenibili:
L’idea condivisa da più parti ormai, è che certi tipi di agricoltura considerati più industriali, che sfruttano le risorse sia interne che esterne al sistema agricolo, al fine di riuscire ad avere un’alta resa elevata, siano da accantonare, in quanto non più sostenibili sia dal punto di vista ambientale che dal punto di vista sociale ed economico.
Ed è in seguito a questi ragionamenti che stanno prendendo piede sempre di più tutte quelle pratiche agricole meno impattanti per l’ambiente.

Studiando le differenze:
I sostenitori dell’agricoltura industriale difendono queste pratiche, perché tendenzialmente associate ad una resa maggiore, permettendo così un utilizzo minore di terreno e quindi risparmiare terreno utile per la conservazione della biodiversità.
Le pratiche agricole alternative, permettono si di raggiungere con più facilità la sostenibilità economica, in quanto non fanno affidamento sull’utilizzo di input esterni, che hanno i loro costi, ma sono necessari alcuni anni prima di poter godere dei benefici finanziari derivati dal passaggio da un’agricoltura di tipo industriale ad un’altra alternativa.

Le strategie Europee:
A partire dalla fine degli anni 60 attraverso la Politica Agricola Comune dei sussidi sui prezzi di vendita e egli aiuti del mercato, che ha permesso a molti agricoltori di specializzarsi nella loro produzione, le attività agricole sono diventate per lo più basate, sull’intensificazione e sull’aumento delle dimensioni delle aziende e su un grande utilizzo di input esterni.

Qualunque sia il tuo progetto

Affidati a Maier Group

 Maier Group

Trova il trattore che fa per te



Richiesta informazioni
Vuoi informazioni per l'acquisto, clicca per chiamare
+390578294200 WhatsApp
oppure inviaci la tua richiesta compilando il modulo.
comunicazioni@maiergroup.it